Ruolo del presidente del Comitato Genitori

a cura di Cinzia Olivieri

Poiché il dpr 275/99 riconosce agli organismi dei genitori la possibilità di formulare proposte e pareri per l’elaborazione del POF, il presidente dovrà attivarsi affinchè il comitato possa esprimersi e farsene portavoce

Dovrà richiedere al dirigente annualmente l’assemblea per la sua costituzione ove il regolamento non lo preveda

Dovrà inoltre favorire il collegamento con tutta la rappresentanza e proporre periodiche riunioni

A Trento

La Legge provinciale trentina 5/06 non contempla l’istituzione dei comitati genitori.

Lo statuto delle istituzioni scolastiche garantisce il diritto di riunione e di assemblea e favorisce le attività delle associazioni  di studenti e di genitori, a cui mette a disposizione di spazi adeguati.

In realtà nella composizione, la  Consulta dei genitori (Art. 29) – che è organismo ordinario della scuola – appare analoga al comitato genitori essendo composta dai rappresentanti dei genitori di ciascun consiglio di  classe, ma anche dai rappresentanti dei genitori nel consiglio dell’istituzione, nonché dai  rappresentanti di associazioni di genitori riconosciute che ne facciano richiesta.

A Bolzano

La Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 invece elenca espressamente (Art. 2) il comitato dei genitori tra gli Organi collegiali ordinariamente istituiti in ciascuna istituzione scolastica.

È composto dai rappresentanti dei genitori eletti nei consigli di classe (Art. 10) e può istituire sottogruppi per i singoli plessi scolastici, sedi o sezioni staccate, gradi o tipi di scuola. Ne fanno parte anche i rappresentanti dei genitori eletti nel consigli di istituto nonché il rappresentante nel comitato provinciale dei genitori per tutto il periodo di funzionamento di tali organi. Decadono da tali organi quando non hanno più figli frequentanti la scuola.

Ad esso sono demandati anche compiti specifici:

– formula proposte e pareri in merito alla programmazione ed organizzazione della scuola

– Formula proposte in merito alla collaborazione scuola-genitori e all’aggiornamento dei genitori

– Può esprimersi in merito a tutte le questioni inserite all’ordine del giorno delle sedute del consiglio o di istituto

– elabora inoltre il proprio programma di lavoro relativo ai contatti tra scuola e famiglia e all’aggiornamento dei genitori e sottopone le relative proposte al consiglio di istituto, che delibera in merito e provvede alloro  finanziamento

– Elegge nel suo seno il presidente ed il rappresentante nel comitato provinciale dei genitori e concorre nell’organizzazione dell’elezione dei rappresentanti dei genitori nel consiglio di istituto.

– Esprime parere in merito all’orario delle attività didattiche che poi è definito dal consigli di istituto.

Elegge anche un presidente che può essere invitato a partecipare alle sedute del collegio dei docenti, senza diritto di voto, insieme al presidente del consiglio di istituto.  Il collegio è tenuto ad esaminare le proposte ed i suggerimenti del  comitato e prendere posizione in merito.

* i richiami normativi sono tratti da Edscuola ed altri siti istituzionali

2 commenti in “Ruolo del presidente del Comitato Genitori

Lascia un commento