Assemblea dei Genitori

a cura di Cinzia Olivieri

L’assemblea dei genitori può essere di sezione, di classe o di istituto.

Se si svolge nei locali scolastici, la data e l’orario di svolgimento debbono essere concordati con il dirigente.

Dunque può tenersi anche fuori dai suddetti locali, nel qual caso tuttavia è buona norma portare a conoscenza del dirigente di un’assemblea ove si trattano i problemi della scuola.

Non è stabilito con quanto anticipo deve essere richiesta un’assemblea. Bisognerà verificare cosa eventualmente dispone il regolamento di istituto e/o comunque effettuare una valutazione di carattere pratico, richiedendola con un congruo anticipo se si vuole ottenere un’idonea informazione.
L’assemblea di sezione o di classe è convocata su richiesta dei rappresentanti.

L’assemblea di istituto è convocata invece  su richiesta del presidente dell’assemblea, ove sia stato eletto, o della maggioranza del comitato dei genitori, oppure qualora la richiedano cento genitori negli istituti con popolazione scolastica fino a 500, duecento negli istituti con popolazione scolastica fino a 1000, trecento negli altri.

Il dirigente, sentita la giunta esecutiva, autorizza la convocazione. Potrebbe respingere la richiesta di convocazione se non è richiesta con le formalità previste dall’art. 15 del D.L.vo 297/94, comunque motivando adeguatamente e per iscritto il rifiuto. Così come per iscritto dovrebbe essere formulata la richiesta.

I genitori promotori ne danno comunicazione mediante affissione di avviso all’albo, rendendo noto anche l’ordine del giorno.

Dunque non spetta alla scuola provvedere all’informazione.

L’assemblea si svolge fuori dell’orario delle lezioni e deve darsi un regolamento per il proprio funzionamento che viene inviato in visione al consiglio di circolo o di istituto.

In relazione al numero dei partecipanti e alla disponibilità dei locali, l’assemblea di istituto può articolarsi in assemblee di classi parallele.

Alle assemblee possono partecipare con diritto di parola il dirigente e i docenti della sezione, della classe o dell’istituto.

* i richiami normativi sono tratti da Edscuola ed altri siti istituzionali

Lascia un commento